#1 – Prima di ricorrere alla separazione, rivolgiti questa domanda: qual è la mia quota di responsabilità in questo fallimento familiare?
Se riesci a rispondere vuol dire che sei in grado di metterti in discussione e affrontare le criticità per risolverle, non per scontrarti con esse. Esistono numerose alternative alla separazione o alla separazione giudiziale.
#2 – Prima di ricorrere alla separazione giudiziale, sappi che sei ancora in tempo di scegliere della tua vita e quella di tuo figlio
Cerca di sperimentare nuove soluzioni ai problemi che credi si possano risolvere con una separazione giudiziale. “L’illusione più pericolosa è quella che esista soltanto un’unica realtà” (P. Watzlawick): non credere che hai ragione solo tu e pertanto ti senti forte di portare le tue ragioni in Tribunale.
#3 – Hai ragione solo quando qualcuno te la dà
Circondati di persone e professionisti che mettono in dubbio le tue ragioni perché la ragione non sta mai da una sola parte.
#4 – Non esiste una verità, ma più versioni dei fatti
Inutile affannarsi, se si entra nel circuito del Tribunale esisteranno più versioni dei fatti, compresa la tua.
#5 – Alla fine, l’unica verità è quella processuale, cioè quella del Giudice
Alla fine decide sempre e solo il Giudice, che ti piaccia o meno. L’hai esplicitamente e implicitamente delegato quando hai scelto la separazione giudiziale.
#6 – “Ho sposato una pazza”…ma sappi che l’hai sposata
Inutile denigrare la tua ex/il tuo ex: è pacifico che se hai sposato una persona che adesso ritieni “matta”, in passato, quando l’hai scelta, dov’eri?
#7 – Il mio ex, la mia ex, il mio ex, la mia ex
E’ una strategia perdente concentrarsi nel conflitto con l’ex: hai un figlio, le tue energie dovrebbero essere rivolte a lui, non all’ex attraverso di lui.
#8 – Ad ogni attacco, si risponde con un distacco
Se rispondi agli attacchi con altri attacchi si va verso una simmetria pericolosa. Ad ogni attacco, “attaccati” a tuo figlio, cioè concentrati su di lui attraverso i fatti. Riceverai altri attacchi e tu continuerai ad essere concentrato su di lui.
#9 – Risorse, non limiti
Chi entra nella separazione giudiziale, entra automaticamente in un circuito in cui percepisce persone e circostanze solo come limiti, compresi figlio ed ex partner. Se percepisci limiti, i tuoi desideri saranno limitati. Rivolgi a te stesso sempre questa domanda: qual è la risorsa di questa persona? Quali sono le risorse della mia ex/mio ex? Quali sono le risorse di questa situazione? Se cerchi risorse, trovi soluzioni; se cerchi limiti, trovi problemi.
9+1 bonus – Ho sbagliato
Il bravo genitore è colui che riesce ad ammettere prima di tutto a se stesso e poi agli altri di aver sbagliato.
– P

Condividi questo post

By Published On: 10 Agosto 2020Categories: Featured, Separazioni e Affidamento0 CommentsTags: , Last Updated: 10 Agosto 2020

Leave A Comment

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà inviato a soggetti terzi.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Post correlati

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze