Sentenza Cass. Civile sez. II n. 7266/2015
Peraltro è noto che il Giudice del merito, sempre nel contesto di una motivazione contrassegnata da un adeguato iter argomentativo logico, ben può aderire alle conclusioni del consulente tecnico di ufficio. E tanto di guisa che, con tale adesione, “il giudice del merito esaurisce l’obbligo della motivazione con l’indicazione della fonte del suo convincimento” ( Cass. civ., Sez. II, 13 settembre 2000, n. 12080), poiché lo stesso giudice “che riconosce convincenti le conclusioni del consulente tecnico non è tenuto ad esporre in modo specifico le ragioni che lo inducono a fare propri gli argomenti dell’ausiliario” ( Cass. civ., Sez. III, 6 ottobre 2005,n. 19475).

Condividi questo post

By Published On: 23 Luglio 2015Categories: Sentenze Cassazione0 CommentsTags: , Last Updated: 23 Luglio 2015

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze