Cassazione Ordinanza n. 27207/19 dep. il 23 ottobre 2019, I sez. Civile, Pres. Giancola, Rel. Lamorgese
Come rilevato dal Procuratore Generale, la Corte territoriale ha valutato, sulla base delle risultanze della CTU e delle relazioni dei Servizi Sociali, sia i comportamenti delle parti antagoniste, sia l’atteggiamento assunto dalla minore (la quale è diventata maggiorenne nel corso del presente grado di giudizio) nei confronti del padre, riconducibile alla sua volontà e non ad un plagio perpetrato dalla madre.
La Cassazione finalmente parla di «comportamenti» dei genitori, anziché di tratti di personalità. Inoltre, non nega che un figlio possa essere «plagiato» (rectius “condizionato psicologicamente”) da uno dei due genitori.

Condividi questo post

By Published On: 29 Ottobre 2019Categories: Featured, Sentenze Cassazione0 CommentsTags: , , , Last Updated: 29 Ottobre 2019

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze