Il solo fatto che una donna si trovi in una condizione di ritardo mentale, non basta per affermare che non c’è stato un valido consenso all’atto sessuale
Il ritardo mentale, sia pur di grado medio, non inibisce di per sé un valido consenso all’atto sessuale.
Cassazione Penale sez. III n. 18513/15
Consulta anche la Sentenza del 2014

Condividi questo post

By Published On: 12 Maggio 2015Categories: Sentenze Cassazione0 CommentsTags: , Last Updated: 12 Maggio 2015

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze