Come si fattura una Perizia/CTU e CTP?
Per Perizia intendo la Consulenza Tecnica in ambito Penale, mentre CTU in ambito Civile. La CTP è una Consulenza Tecnica di Parte.
In regime fiscale ordinario, le consulenze devono essere fatturate calcolando la C.P. (Cassa di Previdenza Enpap 2%) + IVA 22%.
Un esempio pratico.
Prestazione: 1.000 €
C.P. 2%: 20 €
IVA 22%: 224,40 €
Totale da pagare: 1.244,40 €

Condividi questo post

By Published On: 3 Ottobre 2015Categories: Metodologia Peritale13 CommentsTags: , , , Last Updated: 3 Ottobre 2015

13 Comments

  1. Gianrico Rossi 4 Gennaio 2020 at 22:29

    E nel caso di regime forfettario?
    Grazie

  2. Gianrico Rossi 4 Gennaio 2020 at 22:29

    E nel regime forfettario?
    Grazie

  3. Claudia 13 Gennaio 2020 at 9:36

    Salve, ho lavorato come CTP, la cliente ha saldato il compenso pattuito, ma mi chiedevo se devo emettere una fattura oppure no. In caso negativo, se la cliente volesse un “qualcosa” che certifichi l’avvenuta prestazione cosa posso fare?
    Io mi trovo nel regime forfettario.
    Grazie per la vostra disponibilità.

  4. Elena Giannini 25 Marzo 2020 at 17:01

    Buongiorno,
    nel ruolo di CTU come si fattura l’anticipo delle partI?
    Grazie in anticipo per la collaborazione!
    Elena

    • Marco Pingitore 25 Marzo 2020 at 17:13

      Buongiorno,
      come una normale prestazione professionale non sanitaria.
      Se è in regime fiscale ordinario deve calcolare importo + enpap + iva
      Se è in regime fiscale forfettario deve calcolare importo + enpap
      Cordiali saluti.
      Marco Pingitore

  5. Elena 24 Maggio 2020 at 0:30

    gentile collega,
    ho letto in una circolare ministeriale che il ctu deve emettere fattura (per l’acconto) intestata al Tribunale, evidenziando però che la solutio avviene con denaro proveniente dalla parte
    lei come si comporta?
    grazie
    Elena

  6. LM 19 Ottobre 2020 at 19:22

    Buonasera,
    Mi pare di capire che le fatture di acconto e di saldo alle parti (in regime forfettario) per la ctu non devono quindi comprendere né IVA, né ritenuta.
    Neppure marca da bollo quindi, non trattandosi di prestazioni sanitarie, nè essere comunicate al sistema tessera sanitaria, è corretto?
    Il compenso stabilito di fronte al giudice (per l’acconto ad esempio) è la base di calcolo a cui sommare enpap o è il totale tutto compreso?
    Grazie mille e complimenti davvero per tutti i suoi contributi sul web!

  7. Maria 25 Novembre 2020 at 21:31

    Salve. Avrei una domanda. La ringrazio anticipatamente per la risposta.
    Ho effettuato una Consulenza tecnica per un PM in ambito penale ai sensi dell’art. 359 c.p.p.(quindi non una CTU civile, nè una perizia, in quanto siano ancora nella fase delle indagini preliminari).
    Non ho ancora la partita IVA, in quanto è il mio primo incarico.
    La commercialista mi ha detto che posso considerarla una prestazione occasionale con ritenuta d’acconto. E’ corretto?
    Nella richiesta di liquidazione al PM devo indicare l’importo richiesto +IVA e/o +2% Enpap o no?

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze