Cassazione Sez. III Civile, sentenza n. 18313/15
Correttamente la Corte di merito ha ritenuto che la responsabilità civile per fatto illecito del C.T.U. è disciplinata dall’art. 64 c.p.c., secondo cui é il predetto ausiliare del giudice che deve risarcire i danni che ha cagionato alle parti con la sua condotta colposa mentre il Ministero della Giustizia non può rispondere di tale condotta né è garante delle obbligazioni risarcitorie di questi.
Ed invero il C.T.U. svolge, nell’ambito del processo, una pubblica funzione quale ausiliare del giudice, nell’interesse generale e superiore della giustizia, con responsabilità oltre che
penale e disciplinare, anche civile, la quale importa, per lo stesso, l’obbligo di risarcire il danno che abbia cagionato in violazione dei doveri connessi all’ufficio (Cass. 25 maggio 1973, n. 1545; Cass. 21 ottobre 1992, n. 11474), precisandosi che lo stesso non esercita funzioni giudiziarie in senso tipico (Cass. 8 maggio 2008, n. 11229; Cass. 5 agosto 2010, n. 18170), sicché, essendo stata proposta dagli attori, nella specie, per quanto si è già detto, azione di responsabilità diretta nei confronti del solo C.T.U. per l’attività da questi svolta, di tanto non può rispondere il Ministero della Giustizia.

Condividi questo post

By Published On: 22 Settembre 2016Categories: Sentenze Cassazione0 CommentsTags: , Last Updated: 22 Settembre 2016

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze