Con una sentenza di più di cento pagine la Corte di Cassazione è tornata sulla questione della risarcibilità del danno non patrimoniale, sancendo che è risarcibile il danno esistenziale quando provoca uno «sconvolgimento» della vita. Si è così riconosciuta la possibilità del ristoro ai familiari, ai partner, per pregiudizi estetici o sessuali. Dunque, purché provato, qualunque stravolgimento dell’esistenza dà diritto al risarcimento. La terza sezione civile ha inoltre precisato che la liquidazione deve avvenire in via equitativa, ha riconosciuto l’esistenza del danno alla perdita della vita come categoria autonoma del danno non patrimoniale e non annoverabile nel danno tanatologico o morale terminale. Nel caso specifico ha sancito, a carico della compagnia di assicurazione, il diritto al risarcimento in favore dei figli di un uomo depresso, suicidatosi dopo la morte della moglie avvenuta in un incidente stradale.
Maggiori info

Condividi questo post

By Published On: 13 Febbraio 2014Categories: Sentenze Cassazione0 CommentsTags: , Last Updated: 13 Febbraio 2014

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze