Gli Avvocati, in ambito civile e penale, possono partecipare alle operazioni peritali?
La risposta è: sì.
Sicuro, ma non ci sono già i CCTTPP (Consulenti Tecnici di Parte)?
Nel caso in cui fossero o non fossero nominati i CCTTPP, gli Avvocati possono partecipare alle operazioni peritali.
E’ un loro sacrosanto diritto e il Perito/CTU non può negarglielo, pena la possibilità di vedersi invalidata la propria consulenza tecnica.
E aggiungo.
Gli Avvocati devono essere sempre avvisati su data, ora e luogo delle operazioni peritali.
Non avvisarli sarebbe un grave errore da parte del Perito/CTU.
Ma in qualità di Perito/CTU ho avvisato i CCTTPP, non è sufficiente?“.
No, non è sufficiente. E’ necessario avvisare anche gli Avvocati per vie formali (pec, fax).
Solitamente gli Avvocati prendono solo visione delle varie Pec del Consulente, ma poco importa.
L’importante è che rimanga traccia dell’avviso.

Condividi questo post

By Published On: 29 Gennaio 2014Categories: Metodologia Peritale2 CommentsTags: , , Last Updated: 29 Gennaio 2014

2 Comments

  1. Leo 6 Ottobre 2018 at 20:04

    E nel caso in cui si trattasse di CTU medica, la perizianda fosse una donna, l’indagine clinica riguardante parti intime e l’avvocato di controparte un uomo, anche in tal caso nessuno potrebbe legittimamente impedirgli di assistere alla visita?

    • Marco Pingitore 6 Ottobre 2018 at 20:08

      L’avvocato e il CTP hanno sempre diritto a partecipare alle operazioni peritali.
      In casi particolari è possibile mettersi d’accordo, ad esempio: il CTU videoregistra, avvocati e ccttpp non partecipano.
      Ma vale sempre l’art. 201 c.p.c. e la garanzia del principio del contraddittorio.

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze