Cassazione, Sez. VI, ordinanza n. 14983, 20 luglio 2016, Pres. Dogliotti, Rel. Acierno
“Il secondo motivo è manifestamente infondato: nel provvedimento impugnato si dà infatti ampio conto delle ragioni per le quali il consulente tecnico e la Corte d’Appello hanno ritenuto di disattendere talune richieste di approfondimento diagnostico dei consulenti di parte, ed, infine non viene neanche dedotto come la partecipazione alle “valutazioni testistiche” avrebbe potuto modificare le conclusioni della consulenza d’ufficio, peraltro complessivamente eseguite, con la conseguenza che la dedotta violazione del principio del contraddittorio è da escludersi
 

Condividi questo post

By Published On: 2 Agosto 2017Categories: Sentenze Cassazione0 CommentsTags: , Last Updated: 2 Agosto 2017

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze