Cass. pen., Sez. IV, 22 marzo 2016 (dep. 1 agosto 2016), n. 33584
Non è causa di nullità o di inutilizzabilità o, di per sé, ragione di inattendibilità delle dichiarazioni raccolte l’inosservanza dei protocolli prescritti – ad esempio dalla cosiddetta Carta di Noto – per l’assunzione della testimonianza del minore vittima di violenza sessuale. Le modalità di escussione del dichiarante sono certamente incidenti nel giudizio di attendibilità ma resta fermo che esso rimane un giudizio di fatto che può essere effettuato in sede di merito mentre è precluso in sede di legittimità, specialmente quando il giudice del merito abbia fornito una spiegazione plausibile della sua analisi probatoria.
Leggi il commento a cura dell’Avv. Francesca Tribisonna

Condividi questo post

By Published On: 11 Ottobre 2016Categories: Sentenze Cassazione0 CommentsTags: , , , Last Updated: 11 Ottobre 2016

Leave A Comment

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà inviato a soggetti terzi.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Post correlati

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze