L’art. 365 c.p. impone ai professionisti sanitari, tra cui gli Psicologi, di redigere il referto nel caso in cui venissero a conoscenza, nell’ambito della prestazione sanitaria, di un’ipotesi di reato a procedibilità d’Ufficio.
Ne parlo abbondantemente in questo sito.
Secondo alcune scuole di pensiero, lo Psicologo è tenuto prima di tutto ad accertarsi che i fatti narrati dal paziente possano realmente costituire un’ipotesi di reato. Nello specifico, questa impostazione teorica spingerebbe lo Psicologo a non refertare subito le notizie apprese dal paziente, ma imporrebbe cautela e attesa. Lo Psicologo, così, potrebbe accertare con calma la veridicità dei fatti e poi, eventualmente, potrebbe fare referto.
In realtà, il referto deve essere fatto entro le 48 ore o, se vi è pericolo nel ritardo, immediatamente (art. 334 c.p.p.).
Lo Psicologo non svolge attività di Polizia Giudiziaria e non può sostituirsi all’Autorità Giudiziaria nel decidere se l’ipotesi di reato sussiste o, addirittura, se è intervenuta la prescrizione.
E’ chiaro che è un argomento complesso ricco di sfumature e variabili, ma, in linea teorica, lo Psicologo è obbligato al referto senza indagare ulteriormente sui fatti che il paziente gli ha raccontato.

Condividi questo post

By Published On: 8 Settembre 2020Categories: Codice Deontologico Psicologi, Featured0 CommentsTags: , Last Updated: 8 Settembre 2020

Leave A Comment

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà inviato a soggetti terzi.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Post correlati

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze