Cassazione , Sez VI Civile, sentenza n. 20107/16, Pres. Dogliotti, Rel. Bisogni
In particolare la motivazione riferisce, riportando brandi delle relazioni dei servizi sociali che M per giustificare questa indisponibilità assume “di sentirsi ferita dalla poca attenzione dedicatale dal padre che, in questi anni, si è limitato a mandarle alcuni sms e a farle sporadiche telefonate” e ritiene che “un riavvicinamento potrà avvenire solo su basi spontanee e non perché dettato da tribunali e servizi sociali” ma perché reso possibile “da una prova di interesse sincero e amorevole” da parte del padre.

Condividi questo post

By Published On: 14 Ottobre 2016Categories: Sentenze Cassazione0 CommentsTags: Last Updated: 14 Ottobre 2016

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze