p>E’ sempre aperto il dibattito in tema di attendibilità dei tests psicodiagnostici, soprattutto in ambito forense. In questo breve articolo cercheremo di dare alcuni spunti per comprendere meglio come potrebbe avvenire una simulazione nel test di Rorschach.
Prima di tutto bisogna ammettere che quasi tutti i tests possono provocare ansia da prestazione. I soggetti interessati possono sentirsi valutari per cui, magari, cercano di far uscire il meglio di sé fornendo risposte il più “virtuose” possibile. Atteggiamento al test del tutto naturale e prevedibile. Ad esempio l’MMPI-2 è stato strutturato in maniera tale da far emergere questo tipo di atteggiamenti. Tuttavia è possibile anche il contrario, cioè potrebbe verificarsi che il soggetto dia il peggio di sé per esasperare le sue condizioni psichiche al fine di ottenere vantaggi.
Nel Rorschach gli indicatori più significativi sono i seguenti:

  • presenza di ragionamenti “psicologici” incongrui ai contenuti della tavola
  • resistenza ed oppositività al test
  • presenza di rifiuti
  • R basso
  • eccessivo numero di risposte V
  • allungamento del tempo di latenza
  • engrammi contenenti movimenti prodotti in maniera incongrua
  • eccessivo numero di determinanti F
  • eccessive risposte confusionarie

Condividi questo post

By Published On: 28 Dicembre 2010Categories: Psicodiagnostica Forense0 CommentsTags: Last Updated: 28 Dicembre 2010

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze