La Sex. IX del Tribunale di Milano ha disposto l’immediata inversione di collocamento di un minore. Da casa del padre verrà trasferito a casa della madre che abita in altra città:
Sul punto, come chiarito dal ctu, è opportuno ribadire come le dichiarazioni rese dal bambino debbano essere lette tenendo conto del contesto psicologico del minore e anche dei pesanti condizionamenti subiti. In ogni caso, appare evidente come non possa rimettersi alla mera volontà di un bambino di xx anni una scelta così importante e come debba considerarsi che MINORE è un bambino sofferente, invischiato nel conflitto di lealtà e che presenta una conflittualità interiore profonda.
MINORE, nella relazione con il padre, non appare infine libero di esprimere i propri desideri e il proprio affetto per la madre, risultando pesantemente condizionato, immerso in un conflitto di lealtà e in condizione di soggezione verso il padre.
 

Condividi questo post

By Published On: 29 Marzo 2018Categories: Featured, Tribunale2 CommentsTags: , , , Last Updated: 29 Marzo 2018

2 Comments

  1. Viene sempre da pensare se, a situazione inversa, il giudice avrebbe emesso lo stesso giudizio…
    Perché esistepurtroppo ancora un doppio standard valutativo.

  2. Luciano 30 Marzo 2018 at 9:37

    Trovo quasi strano che questo minore sia stato collocato presso il padre, visto la inusuale prassi dei vari tribunali d’Italia di collocare i minori presso le madri a discapito di tanti padri che vengono privati anche della loro dignità perché spogliati dagli affetti e dal loro fonte di reddito

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze