Tribunale Pavia, sentenza del 7 novembre 2016, Pres. Nardi, Rel. Frangipani
In tema di affidamento dei minori in caso di divorzio, ascoltare i minori ai sensi del terzo comma dell’art. 315 bis c.c., ai sensi dell’art. 337 octies c.c. e ai sensi delle convenzioni internazionali non significa che il giudice debba prendere atto della volontà manifestata verbalmente dai figli e che debba attuarla; il giudice deve invece perseguire il reale interesse dei minori, capirne i bisogni profondi e disporre quanto è possibile per tutelarne una crescita serena ed equilibrata. L’ascolto serve a dare voce ai desideri dei figli, ma anche a comprendere se tali desideri siano frutto di scelte consapevoli e mature o siano invece derivanti da pressioni esterne e, in ogni caso, il giudice deve valutare se la soddisfazione dei desideri espressi dai minori corrisponda davvero al loro interesse.
 

Condividi questo post

By Published On: 3 Aprile 2018Categories: Featured, Tribunale0 CommentsTags: , , Last Updated: 3 Aprile 2018

Leave A Comment

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà inviato a soggetti terzi.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Post correlati

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze