La responsabilità penale per il delitto di violenza sessuale nella forma di cui all’art. 609-bis, comma 2, n. 1, c.p. può essere accertata soltanto a seguito di una attenta analisi della consapevolezza, in capo all’imputato, sia delle minorate condizioni della persona offesa che di approfittarne a fini sessuali, non essendo sufficiente verificare la mera presenza di rapporti sessuali e l’insufficienza mentale in cui versa la prima. A differenza dell’abrogato art. 519 c.p., la nuova legge del 1996 assicura alle persone malate di mente o psichicamente deboli la possibilità di estrinsecare la propria individualità anche nella sfera sessuale, purché abbiano manifestato il consenso in un clima di assoluta libertà.
Leggi l’approfondimentoScarica la sentenza

Condividi questo post

By Published On: 5 Giugno 2014Categories: Sentenze Cassazione0 CommentsTags: , , Last Updated: 5 Giugno 2014

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze