Gulotta G., Tuosto E. M., 2017, Il volto nell’investigazione e nel processo, Giuffré
Cicerone diceva imago animi vultus, indices oculi; è vero che il volto è l’immagine dell’anima e gli occhi ne sono rivelatori? Questo libro, passando in rassegna una vasta letteratura storica e scientifica – con il contributo di numerose immagini – ragiona sulla possibilità di inferire dal viso intenzionalità e caratteristiche personologiche. Il tutto, secondo la prospettiva di questa Collana, calato nell’attuale campo delle investigazioni – in cui il riconoscimento e la ricostruzione dei volti ha un peso notevole – e in quello giudiziario: serve avere un bel volto? E averlo “sgradevole” può essere controproducente? La vecchia fisiognomica, tanto criticata in una prospettiva positivistica, si è presa la sua rivincita ora che milioni di euro e di dollari vengono impiegati nel tentativo di distinguere con mezzi informatici il viso di malintenzionati, terroristi o meno che siano.
Tutto questo nell’alveo dei contributi che la psicologia cognitiva sta producendo circa la percezione, il riconoscimento del volto e le conseguenti reazioni dell’osservatore.
Acquista il libroConsulta l’indice

Condividi questo post

By Published On: 16 Febbraio 2017Categories: Libri e Articoli0 CommentsTags: , , Last Updated: 16 Febbraio 2017

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze