Lo possiamo affermare tranquillamente, senza remora alcuna: spesso e volentieri nella nostra Categoria vige la più assoluta anarchia.
Mi riferisco, nello specifico, all’ambito Clinico che sconfina in quello Psicoforense e viceversa.
Alzi la mano chi non abbia mai riscontrato almeno una tra queste situazioni:
– lo Psicoterapeuta di coppia che successivamente si fa nominare Consulente Tecnico di Parte (CTP) di uno dei due genitori in un procedimento civile di separazione e affidamento;
– lo Psicoterapeuta di coppia o individuale che successivamente prende l’incarico di Consulente Tecnico di Ufficio (CTU);
– il CTU che successivamente alla consulenza diventa lo Psicologo/Psicoterapeuta di uno dei due genitori;
– il Mediatore Familiare che successivamente assume l’incarico di CTU e viceversa;
– il CTP che diventa Psicoterapeuta e viceversa;
– il CTP in ambito Civile che assume l’incarico di CTP in ambito Penale e viceversa;
e così via.
Il tutto in aperto spregio del codice deontologico (art. 26) e del buon senso che dovrebbe precedere qualsiasi regolamento.

Condividi questo post

By Published On: 20 Giugno 2016Categories: Metodologia Peritale0 CommentsTags: , , Last Updated: 20 Giugno 2016

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze