No, non può farlo.
Eppure nei Tribunali italiani è una prassi molto diffusa, prescrivere/suggerire un sostegno psicologico/parent training/psicoterapia ad uno o ad entrambi i genitori.
Si parte dal presupposto che il conflitto all’interno della coppia genitoriale arrechi pregiudizio alla salute psicofisica del figlio. In altri termini, se i genitori vanno d’accordo il figlio sta bene, se litigano il figlio sta male.
Seguendo questo ragionamento, (quasi) tutti i figli dovrebbero essere allontanati dai genitori, anche da quelli non separati.
Torniamo alle cattive prassi nei Tribunali e all’interno delle CTU chiarendo alcuni concetti:
#1 – Nessun genitore può essere obbligato a sottoporsi ad un trattamento sanitario
Che sia un sostegno psicologico, un parent training, una psicoterapia, una terapia et similia, chi suggerisce/prescrive all’interno del contesto giudiziario un trattamento sanitario ai genitori vincolandolo al giudizio sulla capacità genitoriale compie un’attività illegittima.
Della serie: se ti curi, sei valutato come capace di svolgere la funzione genitoriale; se non ti curi, esprimiamo un parere negativo.
#2 – Qual è la normativa che pone il divieto di imporre/suggerire trattamenti sanitari ai genitori?
– l’Art. 32 della Costituzione
– la legge sul consenso informato (L. 219/17 art. 1)
– i principi enunciati nel Codice Deontologico dello Psicologo e del Medico
#3 – Qual è l’orientamento della Cassazione su questo argomento?
La Cassazione è sempre stata unanime in tema di consenso informato viziato o assente confermando che nessuno può essere obbligato ad intraprendere un trattamento sanitario.
Nel caso specifico (obbligo trattamento sanitario ai genitori separati), nel 2015 si è espressa con la sentenza n. 13506 e nel 2109 con l’ordinanza n. 18222.
La psicoterapia e il sostegno psicologico sono formidabili strumenti per lavorare, in diverso modo, sul conflitto all’interno delle famiglie divise o in procinto di separarsi, ma funzionano solo ed esclusivamente dietro un valido e libero consenso informato dei genitori.
Mi spiego meglio: sono attività legittime che possono produrre ottimi risultati solo ed esclusivamente se i genitori scelgono spontaneamente di sottoporsi a tali trattamenti sanitari. Se l’invio è coatto o connotato da una sottesa minaccia (ti invito a curarti, ma se non lo fai prendo provvedimenti sull’esercizio della tua responsabilità genitoriale) il consenso informato risulta viziato. In questo caso, è possibile ipotizzare l’ipotesi di reato di violenza privata (art. 610 c.p.).
Ne parlo in questo sito e nel libro “Nodi e snodi nell’alienazione parentale” (2019):

Condividi questo post

Leave A Comment

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà inviato a soggetti terzi.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Post correlati

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze