Raccogliere la testimonianza di un minore presunta vittima di un abuso sessuale non è semplice e per niente scontato. L’esperto incaricato deve prestare estrema attenzione e cura in un momento molto delicato che può essere decisivo per la convalida delle accuse o, peggio, per la condanna del presunto abusante. Attenersi alle direttive scientifiche e giuridiche è una questione di etica e di morale. L’esperto dovrebbe evitare quanto il più possibile opinioni personali su ciò che ascolta e dovrebbe mettere da parte tutti i pregiudizi, forse l’aspetto più difficile. Evitare di porre domande suggestive e “chiuse” (closed questions), ma favorire le domande cosiddette “aperte” (open-ended questions) che favoriscano il racconto ilbero del testimone. Lo psicologo che pone le domande e conduce l’intervista non è tenuto a fornire pareri personali su quanto ascoltato. Egli è solo un “facilitatore” comunicativo, un “filtro” tra la Giustizia e la presunta vittima.
Probabili errori che l’esperto può commettere:

  1. Utilizzare  le cosiddette domande suggestive (leading questions): si tratta di domande che contengono già la risposta. In pratica, in modo volente o nolente, si suggerisce al testimone la risposta.
  2. Utilizzare le cosiddette domande fuorvianti (misleading questions): si tratta di domande che contengono informazioni errate.
  3. Utilizzare le cosiddette domande “a coda”: si tratta di domande chiuse e suggestive. Esempio: “Mi hai appena detto che ti ha abbracciata, dopo ti ha anche toccato la spalla, vero?

Condividi questo post

By Published On: 12 Luglio 2009Categories: Abusi sessuali minori0 CommentsTags: Last Updated: 12 Luglio 2009

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze