#1 – Nella Consulenza Tecnica per la Procura e nella Perizia per il GIP, il CT/Perito può solo esprimersi sulla capacità a rendere testimonianza della persona minorenne. E’ metodologicamente scorretto rispondere a quesiti:
– sulla presenza di indicatori di abuso sessuale o di sintomi riconducibili a traumi di varia natura
– sulla capacità della persona minorenne di raccontare fatti realmente accaduti
– sulla capacità della persona minorenne di ricordare eventi riconducibili a traumi di natura sessuale
– sulla capacità della persona minorenne di testimoniare in modo aderente al reale
#2 – Nessun CT/Perito può esprimere pareri al di fuori del dettato dell’art. 196 c.p.p.
#3 – Cos’è la capacità a rendere testimonianza? Cosa si intende?
Se un soggetto è capace a rendere testimonianza non significa che dirà necessariamente la verità. E’ vero anche il contrario, un soggetto non capace di rendere testimonianza, se ascoltato, potrebbe riferire fatti veritieri.
L’idoneità a rendere testimonianza sulla quale l’esperto è chiamato ad esprimersi comprende capacità generiche e specifiche. Le prime riguardano funzioni cognitive quali la memoria, l’attenzione, le capacità di comprensione e di espressione linguistica, la capacità di individuare la fonte delle informazioni, le capacità di discriminare realtà e fantasia, il verosimile dal non verosimile, ecc., nonché il livello di suggestionabilità e di maturità psico-affettiva. Le capacità specifiche riguardano l’abilità del minore di organizzare e riferire il ricordo in relazione alla complessità esperienziale di quello che si suppone essere avvenuto e l’eventuale presenza di influenze suggestive, interne o esterne (derivanti dall’interazione con adulti o con coetanei) che possano avere interferito nel racconto (Carta di Noto, IV).
#4 – Al CT/Perito non deve riguardare se la persona minorenne dica la verità o no. Il CT/Perito dovrebbe valutare esclusivamente la persona minorenne e se ha potuto subire influenze suggestive interne o esterne tali da inficiare la sua capacità a rendere testimonianza.
#5 – Non si redige una relazione dopo la SIT
Spesso viene chiesto all’esperto nominato dalla Procura o della P.G. di redigere una relazione sulla SIT. La trappola è dietro l’angolo: viene chiesto sostanzialmente di esprimersi sulla veridicità delle dichiarazioni rese, una sorta di “validation”. Niente di più errato. L’esperto deputato a raccogliere le sommarie informazioni non può esprimere valutazioni.
#6 – Esperto incaricato di effettuare la perizia per il GIP prima dell’audizione ed esperto incaricato di escutere la persona minorenne in audizione devono essere differenti
#6 – Non si redige una perizia dopo l’audizione in incidente probatorio per valutare la testimonianza resa. E’ possibile redigere una perizia dopo l’audizione solo per valutare le c.d. competenze testimoniali specifiche.
#7 – Il Giudice si occupa della testimonianza, l’esperto del testimone
#8 – Nell’audizione protetta in incidente probatorio e nelle SIT, non si utilizzano disegni e bambole anatomiche
#9 – Nell’audizione protetta in incidente probatorio e nelle SIT, deve essere chiaro e definito il ruolo dell’esperto: cosa deve fare? Deve escutere solo lui la persona minorenne?
#10 – Ambito clinico e ambito forense sono due contesti totalmente differenti. L’esperto deve conoscere il contesto forense e le sue regole, differenti da quelle del clinico.

Condividi questo post

By Published On: 20 Dicembre 2019Categories: Abusi sessuali minori, Featured0 CommentsTags: , , Last Updated: 20 Dicembre 2019

Leave A Comment

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà inviato a soggetti terzi.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.

Post correlati

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenze